Fisica della malinconia, Georgi Gospodinov.

1Per la seconda rilettura, ho scelto uno tra i libri che mi stanno più a cuore: Fisica della malinconia di Georgi Gospodinov. È stato uno di quei libri cui si arriva per puro caso, vi arrivai per puro caso in un pomeriggio di una manciata di anni fa sedotta dal titolo. Per un titolo così, inutile dirlo, la curiosità si accende in un attimo, la mia soprattutto. Non conoscevo l’autore, non avevo ancora letto la sinossi, non avevo la più pallida idea di cosa potesse parlare, l’attrazione immediata fu accalorata dal titolo e dalla copertina che mostrava un’immagine, dal carattere antico, raffigurante una donna e un bambino dalla testa animale seduto nel suo grembo. Leggendolo, poi, fui lieta di aver seguito l’istinto e ancora oggi rappresenta un’insenatura importante nella quale riposare.

Innanzitutto, va detto che parliamo di un autore contemporaneo, cosa inusuale per me che sono abituata ad autori più datati. Gospodinov è uno scrittore bulgaro che ha esordito negli anni ’90 con due raccolte di poesie, riscuotendo un certo consenso da parte della critica letteraria nazionale, fino ad arrivare nel 1999 ad esordire col romanzo “Romanzo Naturale” che confermerà ancor più il suo valore di scrittore vincendo il premio “Razvitie” per il romanzo bulgaro contemporaneo a cui seguiranno poi svariate traduzioni in svariati Paesi. In Italia, nel 2007, è la casa editrice Voland a proporlo con Romanzo naturale e a pubblicare in seguito altre sue opere come “…e altre storie”, “Fisica della malinconia e “E tutto divenne luna”. Fisica della malinconia è al momento l’unico di cui abbia una conoscenza diretta ed è un libro che non corrisponde all’idea di romanzo in purezza perché ha, invero, una struttura dall’ampio respiro che non si cristallizza in un solo genere e, soprattutto, non ha un’intelaiatura regolare e conforme nella sua composizione. Una delle sue frasi più belle, infatti, che lo caratterizza e che l’autore affida ad un personaggio in particolare e particolare di per sé, alter ego dello stesso Gospodinov, Gaustìn, è: “I generi puri non mi interessano. Il romanzo non è ariano”. Con questa frase, e in questa veste liberativa, Gospodinov si svincola dalle costruzioni solite e crea un personalissimo espediente di riscoperta, permettendosi un riversamento totale all’interno delle pagine che avverrà tramite i ricordi, le riflessioni, le ideologie, gli sguardi ai decenni che ha vissuto e che cerca di salvare attraverso fotografie scritte che raccontano della sua crescita, della sua patria, delle storie che l’hanno accresciuta e che hanno formato tutti coloro i quali che ha conosciuto o che ha soltanto intravisto nel suo perdersi per i “corridoi laterali” delle loro menti, scrigni dischiusi quel tanto che basta ad un bambino per entrarvi senza rubare nulla, ammirandone i tesori. Azzarderei che tale costruzione ha delle vaghe venature agiografiche, laddove però nel concetto di santità s’investa attraverso una scorporazione dal suo significato più aderente per venire così assorbita dalla sacralità del racconto storico, autobiografico e conservativo.

In questo snodolo di storie, sono due le nervature più definenti sulle quali si tiene in equilibrio il libro: la prima è l’empatia, considerata come una vera e propria affezione attraverso una diagnosi, che va, via via, a incastrarsi nella seconda che è, invece, affidata all’autoidentificazione, tramite l’empatismo, nel mito greco del Minotauro. A sua volta, il mito del Minotauro, e la sua quasi personificazione nella voce narrante dello scrittore, porta in essere altre due tematiche che sono il labirinto personale di ognuno, fatto di memorie e angoli bui inespressi, che può essere percorso e quindi scoperto, e la colpa  che lo stesso Minotauro, ovvero l’essere umano, sconta senza che abbia una parte attiva nella causa scatenante: “Io sono il Minotauro e non sono assetato di sangue, non voglio divorare sette giovani e sette fanciulle ogni volta, non so perché sono rinchiuso, non ho alcuna colpa… E ho una paura bestiale del buio”. A tutti, quindi, un giorno o l’altro, potrebbe capitare di sentirsi Minotauri, mostri generati da macchie altrui e relegati, soli e impauriti, nel buio labirintico che diverrà dimora senza che mai una risposta o una rassicurazione possano giungere a rischiarare. È questa, probabilmente, la forza motrice che non permette all’autore di proporre un racconto lineare perché “nessun labirinto e nessuna storia è lineare”. Nella sua non linearità, l’intero libro si trasforma in un’esperienza condivisa con il lettore che passeggerà altrettanto per le viuzze interne dell’enorme parco giochi di memorie, malinconie e vicende personali del narratore. L’importanza che è conferita a tali memorie è che daranno origine a un autentico viaggio interpersonale che diverrà, consolidandosi, un reale lascito scritto, “per non dimenticare”, attento alle scelte, ai gesti e alle azioni compiute o meno da ogni singola persona descritta dimodoché si compisse il percorso di intere generazioni passate, presenti e future.

Per via di queste concatenazioni di eventi e ricordi, che prima sono esperienze, poi diventano meditazioni e ragionamenti, poi ancora virano sui sentimenti, di tanto in tanto si perde attrito tra un paragrafo e l’altro durante la lettura. Parrebbe quasi di perdere il filo (che la stessa Arianna, nel mito, porse a Teseo) del discorso, procedendo, ma quando accade non accade perché dal mito ci si allontana, piuttosto è l’empatia che aleggia nella leggerezza descrittiva e riflessiva del ricordo che ci inghiotte nella singolarità del momento come se ne stessimo prendendo parte, prima di riaverci e renderci conto che anche la più apparentemente lontana digressione non è per nulla così distaccata dal labirinto e dal girovagare nelle sue varie stratificazioni emotive. Non a caso, quanto di più vicino all’idea di labirinto vi è il cervello, ancora oggi misconosciuto nelle sue sinuosità cerebrali. Il mito del Minotauro, in sostanza, tiene saldo il viaggio macroscopico dell’intera opera, che racchiude l’analisi e le osservazioni sul piano umanistico, ed al suo interno si inframezza il viaggio microscopico emozionale del bambino, del ragazzo e dell’adulto che peregrina nel proprio Io.

Gradualmente, il bambino diventa uomo e anche i suoi ricordi acquistano una precisione realistica più compatta che, però, poco alla volta, scemeranno sempre più. Il bimbo preda di empatie feroci che veniva risucchiato contro la sua volontà all’indietro nei tagli, nelle ferite e nei dolori altrui, con conseguenti solitudini inflitte e mancati rapporti umani, diventa un uomo melanconico che non si perde più nei “corridoi laterali” degli altri, là dove un tempo andava dimorando senza averne controllo, ma ripercorre i suoi sino ad arrivare, invecchiando, a diventare un “compratore di storie” per sublimare la perdita di tale capacità di immedesimazione. I suoi ricordi, impressi su carta per non essere perduti, diventano così un collezionismo surrogato per far fronte alla disempatizzazione e per “salvare cose e parole”. Riesamina, dunque, all’interno del mito, guerre, primi amori, indigenze, eventi familiari, segreti, la guerra e il Muro, la povertà, le prime invenzioni post-guerra, la rivoluzione sessuale, gli anni ‘80 e ‘90, le stesse tradizioni bulgare ecc. ecc., formando uno spaccato culturale e privato abbastanza consistente che perdere sarebbe un peccato. “L’invecchiamento di un empatico è un processo strano e doloroso. I corridoi verso gli altri e le loro storie, un tempo aperti, oggi risultano murati” ed è per questo che l’autore diventa un moderno Noè che, preda dell’abitudine che è la vecchiaia, salva nella sua arca, letteralmente, storie.

Fisica della malinconia va letto lentamente, lasciando che i cimeli individuali compongano, tessera dopo tessera, l’interezza del mosaico. Allontanarsi, dopo essersi avvicinati, è importante tanto quanto avvicinarsi per capire qual è il posto delle singole emozioni che compongono ogni singolo essere umano e con lui tutti gli altri singoli esseri umani che hanno costituito la loro storia ed anche la nostra. Personalmente credo anche che sia un libro paradossalmente sfuggente alle parole nonostante ne contenga moltissime perché non è affatto semplice, scrivendone, catturare l’essenza del ciclo vitale di un essere umano che prima nell’infanzia, poi nella giovinezza e infine nella vecchiaia si specchia nello scorrere delle primavere fiorenti, delle estati risveglianti, per finire nella caducità fioca dell’autunno. C’è sempre quel qualcosa di impalpabile che si sottrae alla spiegazione e non si riesce ad esternarlo quanto si vorrebbe. Ciò nonostante, è un libro pervaso da una poetica opalescente che soltanto se letto può essere ammirata: parlarne è immiserirlo, se non fosse per la sua bellezza, se non fosse per la sua fragilità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...